IL SANTUARIO REPUBBLICANO DI BRESCIA

Costruito sul finire del primo quarto del primo secolo avanti Cristo per sancire ufficialmente la concessione dello ius latii anche a Brixia come alle altre comunità della Gallia Cisalpina il santuario sorse sui resti intenzionalmente demoliti di un più Antico Edificio di culto è realizzato circa un secolo prima per celebrare il patto di alleanza tra Galli Cenomani e Romani.

Il santuario era costituito da quattro tempietti separati da intercapedini coperte, posti su un ampio podio. Tramite scale separate, disposte in asse con le porte di accesso di ciascuna delle aule di culto, si accedeva al pronao.


Un fregio in pietra, i cui frammenti sono arrivati sino a noi, decorava l’architrave dei quattro edifici. A rilievo sono riprodotti festoni di fiori e frutti trattenuti da nastri e sospesi a teste di bue (bucrani) con tempie cinte da bende (teniae); sopra ogni festone sono rappresentati gli oggetti relativi al rito sacrificale.
Le pareti esterne erano rivestite da intonaco color bianco avorio finissimo; lesene in stucco con basi in pietra tenera si ergevano agli angoli dell’edificio, sormontate da capitelli di ordine corinzio-italico, ricchi di foglie d’acanto a rilievo. Il pavimento di questo profondo pronao era rivestito in cementizio rosso con scaglie di marmi policromi: un materiale molto resistente, a base di laterizi sminuzzati e malta, con un trattamento finale di colore rosso.
L’interno delle aule era diviso in tre navate da due file di colonne scanalate in laterizio, rifinite con stucco bianco. I colonnati lungo le pareti delimitavano un’ampia zona centrale, pavimentata a mosaico, che terminava, sul muro di fondo, con un basso podio, inquadrato da un’edicola. In questo spazio era collocata la statua di culto di una divinità femminile, di cui resta il volto; il resto del corpo era realizzato assemblando materiali diversi quali marmo, legno, ricoperto poi da stoffe pregiate che alludevano al corpo (acrolito).
Un grande mosaico bianco, con cornice nera, riveste completamente il pavimento dell’aula; Le parti rialzate – lungo le pareti laterali e su quella di fondo in corrispondenza dell’edicola – sono rivestite di tessere rettangoli irregolari policrome con un effetto “a stuoia”, che risparmiano i piani di appoggio delle colonne. Un cordolo in calcare rosa delimita queste zone, mentre risulta asportato in corrispondenza del podio.
La decorazione delle pareti venne realizzata tra l’89 e il 75 a. C., come il resto dell’edificio, con l’intervento di diretto di maestranze provenienti dall’area centro meridionale della penisola.
I motivi decorativi hanno uno schema analogo, con alcune varianti, nelle due aule esterne e nelle due interne; in tutte, l’architettura dipinta trova corrispondenza in quella reale, creando l’illusione di ambienti più ampi, con profondità e prospettiva.
Nella IV aula, una tenda bianca con frange è dipinta sospesa tra le colonne; è decorata da onde correnti di colore rosso, ghirlande vegetali con nastri e fasce decorative policrome (viola con fiori giallo oro, grigia con merlature e rossa a denti di lupo). Nei punti in cui è ripiegata, lascia intravvedere la parete retrostante in bugnato verde. Sul registro mediano sono riprodotte, sopra di una mensola, lastre di brecce di marmo intervallate da lesene rosse, con il dettaglio dei lati tagliati a spigolo e alcune finte fratture. Nella zona più alta della parete doveva essere un motivo a lastre dipinte che imitavano l’alabastro. Tutta la decorazione è dipinta come se la luce entrasse dall’ingresso dell’aula e gli affreschi sono stati lucidati con cera d’api e olio d’oliva, per rendere più brillanti le superfici che imitavano la pietra e il marmo.
Il santuario subisce una radicale ristrutturazione in età augustea e viene infine a sua volta demolito nel 73 d.C. quando viene costruito il Capitolium.

Tempio in epoca cenomane
Il tempio ricostruito a quattro celle in epoca gallo-romana
Vista aerea del tempio a quattro celle
Il tempio a tre celle di epoca repubblicana
Brixia gallo-romana

**********************

Il SANTUARIO REPUBBLICANO IN 3D:

Il santuario repubblicano di Brixia.. Quasi come esserci..

SANTUARIO REPUBBLICANO
Via Musei, 57

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...