ISIDE NELLA GALLIA CISALPINA

Iside in atto di agitare il sistro – Aquileia, Museo Archeologico Nazionale  | Artribune
Bronzetto di Iside da Aquileia

Iside, figlia di Geb e Nut e sorella del suo sposo Osiride è una delle divinità femminili più venerate dell’antico Egitto. Viene presentata come una madre amorevole e moglie devota e fa parte della triade divina Iside, Osiride, Horus.

In epoca tolemaica il suo culto arriva fino in Grecia e successivamente si estende in modo massiccio nell’impero romano anche grazie a Cleopatra. In realtà la prima menzione ufficiale di questo culto nella nostra penisola ci viene dato dallo storico Claudio Ennio (239 – 169 a.C.).Durante il corso dei decenni e dei secoli questa divinità gode in Italia di alterne fortune, ora tollerata, ora non accettata.Il culto di Iside si diffonde nel nord Italia, secondo alcuni storici, partendo da Aquileia, importantissimo snodo commerciale in cui arrivava la via Postumia che attraversava la Pianura Padana fino a Genova.

Fotogallery dei principali reperti archeologici in bronzo trovati ad Industria (antica colonia romana situata nell’attuale Monteu da Po, costruita alla confluenza della Dora Baltea nel Po), la città era interamente dedicata al culto della Dea Iside e di Serapide.( da homolux.it)



Ricostruzione zona tempio di Iside e Serapeum

vi rimandiamo alla trattazione universitaria della dott.ssa Maria Luisa Pavan

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...