LA PIETRA DI ISSEL

“Pietra di Issel o delle coppelle” è stata scoperta nel 1908 da Arturo Issel, ricercatore e studioso nato a Genova nel 1842 . Si trova in località Giutte in Comune di Mele, sopra Acquasanta.

La roccia è ricoperta da qualche centinaio di cavità rotonde di varie dimensioni, chiamate appunto coppelle e da figure geometriche stilizzate, filiformi o a forma di croce, di significato antropomorfo. 

Per arrivarci bisogna prendere da Acquasanta la strada in salita che conduce alla frazione di Giutte, dove poco prima dell’ abitato sulla destra salendo, si trova una bacheca in legno della Comunità Montana Argentea.

Da qui si prosegue a piedi lungo una strada sterrata che corre a lato di una grande proprietà recintata, fino ad arrivare alla presa di un acquedotto in un tornante, dove sulla destra si stacca un sentiero che in 5/10 minuti conduce alla pietra (palina in legno con indicazioni).

Come dicevamo prima la roccia è ricoperta di coppelle e croci. Molte sono sicuramente preistoriche, mentre altre sono di epoca medioevale: è difficile stabilirne ad occhio nudo con precisione l’epoca. Spesso infatti vi è una sovrapposizione di epoche . È presente inoltre un tetraedro scavato, con la punta orientata verso nord, con 35 coppelle delimitanti in un’area circolare. Si riconoscono anche affilatoi a polissoir.

Pietra di ISSEL
Pietra di ISSEL

Un piediforme ormai appena visibile è di verosimile età preistorica così come alcune delle coppelle di dimensioni medie . La loro fattura e soprattutto le loro condizioni non lasciano dubbi sulla loro antichità. Altre incisioni sono sicuramente più recenti. Tra di esse sulla pietra sono visibili le più piccole incisioni a coppella che abbia mai visto, si tratta di pochi millimetri di diametro.

Un’altra anomalia è un cerchio perfetto di una decina di centimetri di diametro. Per queste incisioni si parla di epoca medioevale o anche più recente, ma visto che la pietra venne ritrovata nel 1908 dal professor Issel e che ne esistono raffigurazioni dell’epoca, non s. Su “Incisioni rupestri e megalitismo in Liguria” di Priuli Ausilio e Pucci Italo (Priuli e Verlucca ed.) leggo che sul luogo si trovava anche una pietra molto simile che venna distrutta purtroppo durante la costruzione di un oleodotto negli anni ’60.

Bibliografia: “Incisioni rupestri e megalitismo in Liguria” di Priuli Ausilio e Pucci Italo (Priuli e Verlucca ed.)

LINK 1: http://it.wikipedia.org/wiki/Incisioni_rupestri#Pietra_delle_coppelle

LINK 2: http://www.themodernantiquarian.com/site/11400/issels_stone.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...