RICORDANDO UN MIRMILLONE DI AQUILEIA

Stele funeraria di Quinto Sossius Albus – I

D(is) M(anibus) // Q(uinti) Sossi / Albi / myrmillonis / Sossia Iusta / lib(erta) patron(o) / bene merenti

Stele del gladiatore Quintus Sossius Albus

Questa stele presenta la dedica di Sossia Iusta, liberta del murmillo Quintus Sossius Albus, al suo benemerito proprietario. Q. Sossius Albus, è raffigurato nella pietra come un gladiatore armato di tutto punto. Possiamo dedurre che Quintus fosse un uomo libero dalla sua identificazione con “tria nomina” (tre nomi) scolpiti sulla stele. Generalmente invece i gladiatori erano schiavi identificati da iscrizioni che riportavano solo i loro soprannomi. Un uomo libero, un cittadino romano come lo era Q. Sossius Albus, poteva esibirsi nei giochi gladiatori solo per sua libera scelta o per speciale invito imperiale.

Il nostro personaggio è rappresentato in altorilievo come un mirmillone (murmillo). Indossa un perizoma (subligaculum), e l’equipaggiamento tipico di questa classe di gladiatori ovvero è dotato di elmo crestato, spada corta (gladius), scudo “piastrellato” (scutum), manica protettiva sulla braccio destro e un solo schiniero (ocra) sulla gamba sinistra. Sebbene il volto del defunto sia coperto dalla visiera a grata dell’elmo, la modellazione della figura è molto accurata.

Fonte: Cigaina L., “Microscultura nelle stele sepolcrali di Aquileia romana”

Flickr Egisto Sani

Stele funeraria in marmo.

Prima metà del II secolo d.C.

Da Aquileia

Aquileia, Museo Archeologico Nazionale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...