VITA ABITUDINI E RITI FUNERARI IN UNO STUDIO SUI GALLI CENONANI

La tarda età del ferro nell’Europa continentale è caratterizzata da complessi processi demografici tra cui, tra il IV e il I secolo a.C., l’insediamento di comunità “celtiche” transalpine nella penisola italiana. Ad oggi sono disponibili solo pochi dati sulla mobilità e la migrazione di queste popolazioni. 

La tarda età del ferro (denominata culturalmente “La Tène”) dell’Europa continentale è un periodo caratterizzato da intensi scambi demici e culturali tra le regioni a nord delle Alpi (aree transalpine) e quelle a sud dell’arco alpino, come l’Italia nord-orientale ( Zona Cisalpina) (Kruta,  2009 ; Vitali,  2004 , 2011 ). Questi processi sono coerenti con la rilevanza economica delle aree alpine dalla preistoria (Gilck & Poschlod,  2021 ; Hafner & Schwörer,  2018 ; Putzer et al.,  2016), e con il suo ruolo di porta di passaggio di oggetti, persone e idee. Per l’età del ferro, ciò è dimostrato dalla diffusione verso sud di culture materiali (es. spade e spille La Tène) originarie delle regioni transalpine (Kruta,  2009 ; Vitali,  2001 ). 

Le moderne teorie archeologiche sono sempre più critiche rispetto alle ipotesi tradizionali sulle migrazioni di massa unidirezionali alla base dei modelli archeologici osservati, privilegiando piuttosto un’interpretazione più sfumata incentrata su spostamenti individuali o in piccoli gruppi e processi graduali (Anctil,  2021 e riferimenti ivi contenuti; Isayev,  2017). In ogni caso, i dati disponibili sarebbero d’accordo con le fonti greche antiche (Appianus, Dionysius of Alicarnassus) nel collocare la prima presenza importante di popolazioni “celtico/lateniane” nella penisola italiana intorno al IV secolo a.C. (Grassi,  2009 ; Kruta,  1977 , 1988 ).

Dracma padana cenomane

Poco si sa circa lo stile di vita, l’appartenenza culturale e l’origine etnica dei gruppi “celtici” distribuiti nella penisola italiana tra il IV e il I secolo a.C. Inoltre, per alcuni di questi gruppi sono disponibili dati storici, archeologici e antropologici. Questi includono i Boii, i Cenomani e gli Insubri nel nord della penisola italiana, e i Senoni nelle regioni centrali (Grassi,  2009 ). Queste popolazioni erano caratterizzate non solo dalla loro distinta distribuzione regionale e tradizioni culturali, ma anche da rapporti eterogenei (conflitti, alleanze, pacifica convivenza) con gruppi indigeni italici, etruschi e romani (Gambacurta,  2013 ; Grassi,  2009). Precedenti studi antropologici sui gruppi “celtici” nella penisola italiana si sono concentrati in particolare su Boii e Cenomani. I primi, distribuiti nell’attuale regione Emilia Romagna, sono stati oggetto di analisi paleopatologiche volte a ricostruire modelli di salute e benessere (Brasili,  1992 ; Brasili et al.,  2000 ) e di studi isotopici di paleomobilità (Scheeres et al.,  2013 ; Sorrentino et al.,  2018 ). Lo studio di Scheeres et al. ( 2013 ) si è concentrato sui rapporti isotopici di stronzio e ossigeno, mentre l’analisi di Sorrentino et al. ( 2018) includeva un confronto di variabili isotopiche (stronzio), fenetiche (tratti dentali non metrici) e archeologiche (variabilità funeraria). Entrambi gli studi hanno rivelato un’alta percentuale di individui maschi non locali nei campioni analizzati e di diversi individui che si sono trasferiti già durante l’infanzia. Questi risultati offrono alcune informazioni sulle possibili caratteristiche socioeconomiche di queste popolazioni. In particolare, sembrano suggerire (a) una situazione dinamica caratterizzata da una frequenza relativamente alta di movimenti, e (b) differenze in quest’ultima tra i sessi. Queste conclusioni confermano le aspettative basate su dati geografici, storici e archeologici. Quest’ultimo punto per tutta l’età del ferro, 2014 ; Marzatico,  2014 ; Ramsl,  2014 ; Vitali,  1996 , 2001 ). Diverse cause erano verosimilmente alla base di questi movimenti. Le fonti classiche, ad esempio, sottolineano il ruolo svolto da fattori economici e commerciali, l’attrazione per le culture transalpine esercitata da prodotti mediterranei come l’uva, i fichi, il vino e l’olio, e la necessità di appropriarsi di nuove terre per la coltivazione (Mansuelli,  1978 ; Vitali,  2011 ).

Tra i motori economici della mobilità va annoverato anche il servizio mercenario, attività tradizionalmente attribuita a questi gruppi (Hauschild, 2013 ; Vitali,  2011 ). Soprattutto durante il III secolo a.C., individui si spostarono attraverso l’arco alpino al servizio di terzi (Polibio II, 19, 1–4 e II, 34, 21 in Vitali,  2011 ).

Quando spostiamo la nostra attenzione al nord-est della penisola italiana, i dati bioarcheologici sui movimenti umani durante la tarda età del ferro sono completamente assenti. Il lavoro di Laffranchi et al. ( 2016 ) e Laffranchi e colleghi ( Laffranchi et al.,  2015 , 2016 , 2018 , 2019 ; Laffranchi, Charisi, et al.,  2020 ) ha contribuito alla ricostruzione della dieta, dell’esposizione a stressor biomeccanici e non specifici, dei ruoli di genere e differenziazione sociale tra i Cenomani (Verona). Dello stesso gruppo, tuttavia, non sono ancora disponibili dati sulla presenza e frequenza di individui non locali, e sui relativi processi di mobilità e migrazione.

LO STUDIO

Sono stati studiati i resti di un gruppo di  125 individui sepolti nella necropoli di Seminario Vescovile III -I sec a.C., i ricercatori hanno studiato i collegamenti tra il rituale di sepoltura, l’età, il sesso e la dieta. E’ il primo studio del genere condotto sulla popolazione dei Galli Cenomani.

Donna Cenomane del III sec a.C.

ll nostro studio è il primo a tentare un’esplorazione dei collegamenti tra età, sesso, tradizioni funerarie e dieta in una comunità celtica e pre-romana in Italia». Si legge questo nel sommario di una ricerca pubblicata su Plos One (qui disponibile in inglese) e realizzata da un gruppo di studiosi formato da Zita Laffranchi, Giuliana Cavalieri Manasse, Luciano Salzani e Marco Milella.

” ricostruzione” del costume di una donna Cenomane di Brescello- museo archeologico Reggio Emilia

La ricerca si è concentrata sui reperti ritrovati in tombe scavate in provincia di Verona e attribuiti al popolo celtico dei Cenomani. Analizzando denti e ossa, questa ricerca avrebbe dimostrato che gli uomini e le donne di questa comunità avevano una dieta differente, ma questa sembrerebbe l’unica differenza di genere all’interno di un gruppo che sembra vivesse senza troppe distinzioni sia di tipo sessuale che di tipo sociale.
Altro dettaglio evidenziato è il livello di erosione delle ossa, risultato essere molto simile tra i vari reperti analizzati e tendialmente superiore rispetto a quello riscontrato in altre popolazioni dello stesso periodo. Questo potrebbe significare, ancora, le poche distinzioni di genere tra i Cenomani, ma anche un maggiore stress fisico per i bambini di questa comunità.

Da veronasera.it

https://onlinelibrary.wiley.com/share/JNQIXTSJBPQXKHHXB34B?target=10.1002/ajpa.24523

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...