MONTE BARRO UN BALUARDO ALPINO A DIFESA DI MILANO

Il sistema di fortezze del Monte Barro è un esempio di castelli fortificati (castra) sorti lungo l’arco alpino e prealpino nella fase tardo antica dell’occupazione romana ,Lo scopo di tali fortezze fu quindi quella di difendere, contro le incursioni barbariche , le città allora capitali dell’impero romano occidentale: Milano (286-402 d.C.) e Ravenna (402-476 d.C.).

Milano certamente ancora conservava una grande rilevanza, in virtù alla sua posizione centrale rispetto ai collegamenti della pianura padana con il centro Europa.

Lungo il confine dell’insediamento romano a ridosso della regione alpina (il limes subalpino, ovvero l’ampio tracciato fortificato posto all’imbocco delle vallate alpine e sui laghi) sorge uno scacchiere difensivo costituito da città fortificate in retroguardia e altre più avanzate verso i valichi, attorniate da castra minori, in siti naturalmente difesi, successivamente usati dai goti e da bizantini.

Postazioni fortificate si registrano infatti anche nella parte centrale del limes, nell’area dei laghi (3). Tra queste, diverse postazioni fungevano principalmente da posti di vedetta e controllo del territorio e delle principali vie di transito dirette ai valichi alpini: è questo il caso, per esempio, del vasto complesso fortificato utilizzato tra il V e VI secolo all’epoca della dominazione gota in Italia, portato alla luce sulla parte sommitale del Monte Barro, da una ben nota e significativa campagna di scavo archeologico condotta in anni relativamente recenti .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...